Date

Roma 6. Gennaio 1832.

[4524,9]  ὅμως δὲ τοῦτο μὲν ἴτω (vada, cioè eveniat) ὅπῃ τῷ ϑεῷ ϕίλον. Plat. Apolog. Socr. haud procul ab init. ed. Ast. opp. t.8. p. 102. (in marg. 19. A.) nel Critone (init. p. 164. in marg. 43. D.) dice {pur Socrate }: εἰ ταύτῃ τοῖς ϑεοῖς φίλον, ταύτῃ ἔστω.

[4524,10]  τούτου πᾶν τοὐναντίον εὑρήσετε (tutto il contrario). ib. 138. (34. A.) e così altrove nella medesima Apologia.

[4524,11]  οὐκ ἔσϑ᾽ ὅτι μᾶλλον, ὦ ἄνδρες ᾽Αϑηναῖoι, πρέπει οὕτως ὡς ec. 4525 (in vece di μᾶλλον... ἢ), ib. 144. (36. D.), nessuna cosa più... quanto ec. idiotismo nostro, usato anche da' buoni e antichi.

[4525,1]  ὄνομα ἕξετε καὶ αἰτιαν ὡς Σωκράτη ἀπεκτόνατε. ib. 148. (38. C.) avrete nome di avere ucciso Socrate. (Roma 6. Gennaio 1832.)