Entry

27. Giugno 1823.

[2834,1]  Dovunque non cade bellezza, non cade grazia. Dico relativamente agli uomini, perchè bellezza e bruttezza cade in qualsivoglia cosa, ma gli uomini non ne giudicano, e non ne ricevono il senso se non in certe. E in queste sole, dov'essi possono ricevere il senso della bellezza, possono anche ricever quello della grazia e concepirla. E viceversa similmente, dovunque cade bellezza, cade ancor grazia. Non che l'una non possa esser senza l'altra. Ma quel genere ch'è capace dell'una è capace dell'altra. E per bellezza, intendo quella ch'è propriamente e filosoficamente 2835 tale, cioè quella ch'è convenienza, non l'altre impropriamente chiamate bellezze. (27. Giugno 1823.).

The content