Para

19. Maggio 1821

[1065,1]  Alla p. 1062. La Religion Cristiana, quando anche si voglia considerare come parto della ragione umana posta nelle circostanze di quei tempi, di quei luoghi ec. è innegabile che ha vicendevolmente influito assaissimo sopra la stessa ragione, rivoltala al profondo, all'astruso, al metafisico; propagatala forse più di quello che abbia fatto qualunque altro mezzo; e cagionato grandissima e principalissima parte de' suoi progressi. Ora è manifesto che l'incredulità religiosa deriva dai progressi della ragione, e che quando o l'uomo, o le nazioni non ragionavano, credevano, ed erano religiose. (19. Maggio 1821.).

The content