Para

14-15. Agos. 1821.

[1499,2]  Dalla teoria che abbiamo dato dei sinonimi si deducono alcune osservazioni intorno alla 1500 diramazione e diversità delle lingue nate da una stessa madre, massime da una madre già formata, colta, ricca, letterata ec. Nata appoco appoco la sinonimia nella lingua madre, e quindi diffusa questa in diverse parti, non tutti i sinonimi passano a ciascuna lingua figlia, ma solamente alcuni a questa, altri a quella. E questa è pur una delle cagioni della maggior ricchezza e proprietà delle lingue antiche. Le lingue figlie di una madre già formata, per lo più sono meno ricche di lei. Il tempo dopo aver soppresso le differenze de' significati (sia prima della diffusione, e presso la nazione originariamente partecipe di quella lingua, sia molto più dopo, e presso le nazioni che sempre corrottamente la ricevono e sempre mancante e povera, per la ignoranza e la difficoltà d'imparare una lingua nuova, e l'impossibilità di ricevere e praticar tutta intera una tal lingua ricca ec. ec.), il tempo, dico, sopprime quindi naturalmente una buona parte de' sinonimi, conservandone solo uno o due per significato, che prevalendo appoco appoco nell'uso, fanno dimenticar gli altri ec. Così le lingue perdono 1501 appoco appoco necessariamente di ricchezza e di proprietà, a causa della sinonimia. Oltre che le lingue figlie, nascendo da corruzione, e dagli stessi danni che il tempo reca alla sostanza materna, non la possono mai di gran lunga ereditar tutta intera. {+E così il fondo delle lingue si va sempre scemando se per altra parte non si accresce, e le lingue che nascono sono sempre più povere di quelle che le producono, almeno nei principii.}

[1501,1]  Questa è pur, come ho detto, una gran ragione della differenza delle lingue figlie di una stessa madre. In questa nazione prevale il tal sinonimo, e gli altri si dimenticano, o non s'introducono mai. In quella il tal altro. Questa ne riceve o ne conserva un solo nel tale o tal significato, quella due, quell'altra più ec. Così è accaduto alla lingua latina diramata nelle Spagne, nella Francia, in Italia. E troveremo spessissimo che la differenza con cui si esprimono le dette tre lingue in questo o quel caso, nasce dalla differenza del sinonimo latino che hanno conservato, o da principio adottato. Gl'italiani e i francesi per significare il bello usano una parola derivata dalla latina bellus; gli spagnuoli una derivata dalla latina formosus. Gli spagnuoli e gl'italiani 1502 dicono moglie dal latino mulier, i francesi femme da femina. Similmente differiscono nel numero. Altra ha conservato o adottato più sinonimi latini, altra meno. Relativamente a questo la lingua francese tiene la estremità del meno, la spagnuola il mezzo, l'italiana il più, tanto per la sua circostanza nazionale, quanto pel moltissimo ch'ella ha seguito ad attingere dalle fonti latine, appena divenuta letterata. E troveremo spessissimo che, poniamo caso, di 5 o 6 parole latine divenute sinonime col tempo, l'italiana le avrà conservate, e le userà anche volgarmente o tutte o quasi tutte, gli spagnuoli, e massime i francesi appena una. Certo è raro che si possano trovar nella lingua francese due parole latine perfettamente sinonime o fino ab antico, o almeno nel loro presente uso. Piuttosto avranno parecchie parole prese d'altronde, che sieno sinonime di altre latine da loro pur conservate.

[1502,1]  Queste considerazioni ci menano alla conseguenza del quanto ragionevole e giusto sia per la nostra lingua il seguire ad arricchirsi alle fonti latine. Le lingue madri non denno mai stimarsi chiuse alle figlie; noi abbiamo 1503 delle lingue sorelle che possono pure attingere a una stessa fonte con noi, ma la nostra lingua assai più delle altre due. La nostra lingua, com'è naturale a quella ch'è parlata dalla stessa nazion latina, e che fu poi modellata da' suoi formatori sulla di lei madre, tiene assai più che le altre sorelle, sì dell'indole e delle forme, sì del suono stesso e della figura esterna delle parole latine, {del significato, della pronunzia stessa del latino ec.} sì dell'andamento ec. della madre. Ed oltracciò, come ho detto, e come anche per cento altri lati si può vedere, ella ha ereditato della sostanza materna, o se n'è poscia rivendicata assai maggior porzione che le sorelle. Tutte queste cose fanno che l'indole dell'italiano essendo più latina, che non è lo spagnuolo e il francese, ella si adatti benissimo alle nuove parole latine, frasi, forme ec. e queste sieno tanto meno forestiere in casa sua, quanto maggior copia ella già ve ne alloggia. E che la lingua italiana quanto più ha preso, ed è abituata a prendere dal latino, tanto più, e sempre proporzionatamente di più ne possa prendere. Giacchè così va la bisogna rispetto alle 1504 lingue. E già in tutte le cose la convenienza si misura dall'indole e dal costume, e la novità è tanto più facile a introdurre ec. quanto è più simile al vecchio ec. Le lingue spagnuola e francese (e massime questa) appunto perchè meno hanno preso dal latino, e perchè è stata proprietà loro la parsimonia in questo particolare, {+e perchè non sono tanto conformi allo spirito del latino (anzi la francese in nessun modo), ec. ec.,} perciò volendo conservare il loro carattere, non possono neppur oggi attingerne più che tanto. Viceversa l'italiana, la quale conserverà il suo carattere primitivo, seguendo ad attingerne come primitivamente ha fatto, e s'è accostumata a fare. (14-15. Agos. 1821.)