Para

21. Agos. 1821.

[1539,1]  Ho detto qui sopra che il bello è raro, e il brutto ordinario. Come dunque l'idea del bello deriva dall'assuefazione, e dall'idea che l'uomo si forma dell'ordinario, il quale giudica conveniente? Deriva, perchè quello che gli uomini o le cose hanno d'irregolare, non è comune. Tutti questi son brutti, ma quegli in un modo, questi in un altro. L'irregolarità ha mille forme. La regolarità una sola, o poche. E gli stessi brutti hanno sempre qualcosa di regolare, anzi quasi 1540 tutto, bastando una sola e piccola irregolarità a produr la bruttezza. Così dunque l'uomo si forma naturalmente l'idea del bello, quando anche non avesse mai veduto altro che brutti, distinguendo senza pure avvertirlo ciò che le loro forme hanno di comune, da ciò che hanno di straordinario e quindi irregolare. E posto il caso che il tale non avesse veduto alcuna persona senza un tale identico difetto, o che l'avesse veduto nella maggior parte delle persone a lui note, quel difetto sarebbe per lui virtù, ed entrerebbe nel suo bello ideale. Così accadrebbe nel paese de' monocoli. E forse può qui aver luogo il caso di una giovane da me conosciuta, che sino a 25 anni, credè sempre costantemente che nessuno vedesse dall'occhio sinistro, perch'ella non ci vedeva, e niuno se n'era accorto. L'immagine pertanto ch'ella si formava della bellezza umana, era di un uomo cieco da un occhio, ed avrebbe stimato difetto il contrario. (21. Agos. 1821.)