Para

10. Sett. 1821.

[1666,1]  Si dice tutto giorno, aria di viso, fisonomia ec. e la tal aria è bella, la tale no, e aria truce, dolce, rozza, gentile ec. ec. In maniera che bene spesso non trovando difetto in nessuno de' lineamenti, o non trovandovi pregio, si trovano però difetti o pregi, bellezza o bruttezza nell' aria del viso. Non è questa una prova che il bello o brutto della fisonomia, non dipende nella principal parte dalla convenienza, ma dalla significazione, e quindi non è propriamente bellezza nè bruttezza? Notate anche il nome di aria che si è dato a questa significazione generale di una fisonomia, appunto perch'ella consistendo in sottilissimi rapporti colle qualità non materiali dell'uomo, è una cosa impossibile a determinarsi, e quasi aerea. 1667 Ond'è che i giudizi differiscono intorno alla bellezza umana forse più che a qualunque altra, quando parrebbe che dovesse accadere l'opposto. Aria ec. si applica anche alle fisonomie non umane. (10. Sett. 1821.)