Para

13. Sett. 1821.

[1689,1]  A ciò che ho detto altrove [ p.1366] [ pp.1579-80] che la semplicità è relativa, aggiungete che oggi per es. sarebbe bruttissimo uno stile semplice al modo di Senofonte, o de' nostri trecentisti, ancorchè inaffettato, e composto di voci e frasi niente anticate. La semplicità d'oggi è diversissima da quella d'allora, e di un grado molto minore. Cosa che non s'intende da coloro che raccomandano l'imitazione degli antichi. (13. Sett. 1821.)