Para

14. Sett. 1821.

[1698,1]  Alla p. 1605 principio. Da tutto ciò risulta che l'uomo tal quale è in natura non piacerebbe all'uomo d'oggidì nè gli parrebbe bello; che l'idee naturali (cioè derivanti dalla natura) circa il bello umano (ch'è pure il meno soggetto a dispareri) discordano sommamente dalle nostre: che massimamente poi la donna tal qual ell'era bella in natura, e la più bella che si possa immaginare, non piacerebbe punto all'uomo moderno. Perocchè il fondamento della bellezza umana è il vigore, il quale nella natura peccherebbe e dispiacerebbe alle donne moderne per il troppo, ma non per il poco. Ma il fondamento della bellezza femminile essendo la delicatezza, questa in natura peccherebbe 1699 per noi di troppo poco. Ed essendo propria sì dell'uomo che della donna naturale la così detta rozzezza, questa sconverrebbe meno (secondo le nostre opinioni) all'uomo che alla donna, perchè in questa più, in quello meno lontana dalle qualità fondamentali della loro bellezza. ec. ec. ec.

[1699,1]  Del resto che cosa è dunque il buon gusto? Qual tipo ha egli? La natura? Anzi ella ci ha fatti diversissimi da quel che siamo, e quindi datoci diversissimi gusti. E ciò non solo nelle forme umane, ma in ordine a tutti gli oggetti del buon gusto. ec. ec. ec. (14. Sett. 1821.)