Para

20. Sett. 1821.

[1752,1]  Alla p. 1681. marg. Tali persone, da premesse evidentemente concepite, deducono {in buona fede} bene spesso delle conseguenze diversissime, o anche al tutto contrarie a quelle che ne tira il comune degli uomini (intendo di quegli uomini ai quali appartiene ciò che si chiama senso comune, e che sono {poi} l'infinitesima parte del genere umano). Ovvero da una premessa evidente e infallibile, fanno dipendere una minore, che secondo il comune degli uomini o non vi ha niente che fare, o contraddice alla maggiore, o a quella minore, che, secondo il comun senso, inevitabilmente risulta dalla maggiore, ed è anche l'unica che ne risulti. (Così dico della maggiore rispetto alla minore, o alla conseguenza). Così pure dalla conseguenza risaliranno a una maggiore, o una minore affatto contraria, o disparata, o ad ambedue le premesse di tal natura. Questo è ciò che forma le teste storte (quante sono 1753 le dritte?) che non si persuadono co' più palpabili raziocinii; che sono quasi affatto esenti dalla forza della ragione e del senso comune, e indipendenti dagli stessi fondamentali principii del ragionamento; che all'improvviso ti scappano d'un fianco con una conclusione tutta contraria alle premesse, non già per ostinazione, ma per intima persuasione, e per dettame del loro raziocinio, e perchè il loro senso, la loro facoltà di ragione è fatta così. (20. Sett. 1821.).

The content