Para

21. Sett. 1821.

[1760,1]  Quanto più io gli dava di sprone (dice il Rocca di un mulo spagnuolo ch'egli fu obbligato a cavalcare una volta in Ispagna), tanto più raddoppiava i calci; io lo batteva, lo ingiuriava, ma le mie minacce in francese non facevano che irritarlo. Io non sapeva il suo nome, ed ignorava ancora in quel tempo che ogni mulo in Ispagna 1761 avesse un nome particolare, e che per farlo andare fosse necessario dirgli nella propria lingua: Via, mulo, via su, capitano, via, aragonese , ec. Memorie intorno alla Guerra de' Francesi in Ispagna del Sig. di Rocca. Parte 1. Milano . Pirotta. presso A. F. Stella. 1816. p. 55. V. ancora alcune importanti notizie sui costumi e la società dei cavalli selvaggi ec. p.134-37. Parte II.

[1761,1]  Dunque, (e queste osservazioni si potrebbero moltiplicare e variare in infinito) anche fra gli animali i diversi individui di una medesima specie sono suscettibili di diversissime assuefazioni, come lo sono gli stessi individui di variare assuefazione, il tutto secondo le circostanze. Qual è dunque la nostra superiorità sugli animali fuorchè un maggior grado di assuefabilità e conformabilità, come fra le diverse specie di animali altre hanno queste qualità in maggiore altre in minor grado; alcune, come le scimie, poco meno dell'uomo? Dimostrato che tutte le 1762 facoltà umane ec. ec. ec. non sono altro che assuefazione, è dimostrato che la natura dell'animo umano, come quella del corpo, è la stessa che quella dell'animo dei bruti. Solamente varia nella specie, ovvero nel grado delle qualità, come pur variano in questo i diversi animi delle diverse specie di bruti. Il bruto è più tenace e servo dell'assuefazione. Ciò viene appunto da minore assuefabilità della nostra, perchè questa, quanto è maggiore per natura, e resa maggiore per esercizio, tanto più rende facile il cangiare, deporre, variare, modificare assuefazione, come ho spiegato altrove [ pp.1370-72] [ pp.1452-53] [ p.1630] [ pp.1682-83]. Gli animali sono tanto più servi dell'assuefazione quanto meno sono assuefabili proporzionatamente alla natura diversa delle specie e degl'individui; vale a dire quanto minor talento hanno, cioè disposizione ad assuefarsi. { V. p. 1770. capoverso 2.} Quindi il mulo difficilissimo ad assuefarsi, è tenacissimo dell'assuefazione e suo schiavo. Egli è un animale stupido. Gli animali stupidi sono servi dell'assuefazione più de' vivaci ec. ec. Paragonate su queste teorie l'asino al cavallo, la pecora 1763 al cane ec. ec. gli animali indocili (cioè poco assuefabili, e però tenacissimi dell'assuefazione o contratta da loro, o comunicata loro) ai docili ec. ec. (21. Sett. 1821.)