Para

21. Sett. 1821.

[1763,1]  Qualunque assuefazione o abito, non è altro che un'imitazione, in questo modo, che l'atto presente, imita l'atto o gli atti passati. Ciò tanto nell'uomo, quanto negli animali: tanto nelle assuefazioni che si contraggono da se e spontaneamente, e senza volontà determinata, attenzione ec. quanto in quelle che ci vengono comunicate, insegnate, ec. ec. o per forza, o per amore, o per istudio, e con attenzione e volontà di assuefarsi ec. ec. ec. Il cavallo che accelera il passo o si mette in moto ad una certa voce, imita quello che fece altre volte, e quello che l'uomo da principio lo costrinse a fare, nel mentre che gli fece udir quella voce. Così e non altrimenti, l'uomo apprende, impara, ed acquista sì le facoltà e discipline intellettuali, che le abilità, e le facoltà materiali o miste. Qui pure, la natura dell'animo umano è quella stessa del bruto. (21. Sett. 1821.)