Para

22. Sett. 1821.

[1766,1]  Ho detto altrove che anche il filosofo può essere originale come il poeta [ p.1383] [ pp.1650-51], e distinguersi dagli altri nel diverso modo di trattare le stessissime verità. Aggiungo ora che non solo a' diversi individui, ma ad un medesimo individuo che soglia pensare, le stessissime verità si presentano in vari tempi sotto sì diversi aspetti (dico le stesse verità, e non le stesse cose, dalle quali diversamente vedute si tirano diverse e contrarie proposizioni) che egli stesso se non ha più che buona memoria e penetrazione e attenzione, 1767 appena le riconosce per quelle verità che ha già vedute (o anche scoperte) e considerate ec. Così che il filosofo (siccome il poeta) può in una stessa verità diversificarsi ed essere originale, non che rispetto agli altri, anche a se stesso. (22. Sett. 1821.)