Para

24. Sett. 1821.

[1779,1]  Un certo torpore dell'animo e del corpo che è cagionato talvolta dall'avvicinamento del sonno, è piacevolissimo. Il sonno stesso non è piacevole se non in quanto è torpore, dimenticanza, riposo dai desiderii, dai timori, dalle speranze, e dalle passioni d'ogni sorta. Le lodi che dà Orazio all'ubbriachezza versano per lo più sulla dimenticanza, e quindi sul torpore ch'ella cagiona. Per causa della dimenticanza è pur piacevole un'allegria viva, dove l'anima rinunzia come a se stessa, e intorpidisce affatto per una parte, mentre si ravviva per l'altra. La dimenticanza insomma e la quiete totale delle passioni è sempre piacevole, da qualunque cagione prodotta, siccome per lo contrario è piacevole la vita delle passioni. (24. Sett. 1821.)