Para

30. Sett. 1821.

[1806,3]  Una parola {o frase} difficilmente è elegante se non si apparta in qualche modo dall'uso volgare. Intendo che difficilmente le converrà l'attributo di elegante, non già ch'ella debba perciò essere inelegante, e che una 1807 scrittura elegante, si debba comporre di sole voci e frasi segregate dal volgo. Le parole antiche (non anticate) sogliono riuscire eleganti, perchè tanto rimote dall'uso quotidiano, quanto basta perchè abbiano quello straordinario e peregrino che non pregiudica nè alla chiarezza, nè alla disinvoltura, e convenienza loro colle parole e frasi moderne.

[1807,1]  Quindi è che infinite parole e frasi che oggi sono eleganti, non lo furono anticamente, perchè non ancora rimosse o diradate nell'uso; giacchè tutto ciò ch'è antico fu moderno, e tutte le parole o frasi proprie di una lingua, furono un tempo volgari e quotidiane.

[1807,2]  Quindi si argomenti quanto sia giovevole all'eleganza dello scrivere italiano (del quale è veramente e assolutamente propria l'eleganza più che di qualunque altra lingua moderna) il non aver la nostra lingua rinunziato mai al suo antico fondo, in quanto le può ancora convenire.

[1808,1]  1808 Da queste ragioni deriva in parte un effetto che si osserva in tutti i primitivi scrittori di qualsivoglia lingua. Essi non sono mai eleganti, bensì ordinariamente familiari. La familiarità essendo anch'essa bellissima, si confonde molte volte coll'eleganza, e può considerarsi come una delle sue specie (massime quando la stessa familiarità cagiona il pellegrino nella scrittura, per non esser solita a venirvi applicata). Ma io qui non intendo parlare di quella eleganza di cui il Caro in verso e in prosa può essere un modello, bensì di quella di cui saranno eterni modelli a tutte le nazioni e le lingue, Virgilio e Cicerone.

[1808,2]  Or in luogo di questa che non è mai propria di nessuna lingua ne' suoi principii, e ne' cominciamenti della sua letteratura, si trova ne' primitivi scrittori di ciascuna lingua molta familiarità. Noi non abbiamo i primitivi scrittori greci. I latini Ennio, (ne' suoi frammenti) Lucrezio, ec. possono dimostrare questa verità, massime confrontandoli co' seguenti.

[1809,1]  1809 Ma se noi non sentiamo perfettamente in essi il familiare, qualità delle lingue la più difficile a ben sentirsi in una lingua forestiera, e più in una lingua morta, lo sentiamo però ottimamente in Dante, nei prosatori trecentisti, escluso il Boccaccio, che introdusse nell'italiano tante voci, frasi, e forme latine, e nel Petrarca (v. un mio pensiero sulla familiarità del Petrarca [ p.70]), eccetto dov'egli pure si accosta ed imita (come fa, e felicemente, assai spesso) l'andamento latino. Questi e tutti gli scrittori primitivi di ciascuna lingua, doverono necessariamente dare un andamento, un insieme di familiarità al loro stile ed alla maniera di esprimere i loro pensieri, {+sì per altre ragioni, sì} perchè mancavano di uno de' principali fonti dell'eleganza, cioè le parole, frasi forme rimosse dall'uso del volgo per una tal quale, non dirò antichità, ma quasi maturità. {+(Infatti è notabile che la vera imitazione degli antichi quanto alla lingua, dà subito un'aria di familiarità allo stile).} E siccome altrove osservammo [ pp.1482.sgg.] che gli scrittori primitivi sono sempre i più propri, così e per le stesse ragioni, essi debbono 1810 cedere ai susseguenti nell'eleganza (intendendo quella che ho dichiarato).

[1810,1]  Da ciò segue 1. Che noi bene spesso sentendo negli antichi nostri, come nel Petrarca o nel Boccaccio questa medesima eleganza, vi sentiamo quello che non vi sentivano nè gli stessi autori nè i loro contemporanei, in quanto quelle voci o modi sono oggi divenuti eleganti col rimoversi, stante l'andar del tempo, dall'uso quotidiano, ma allora non lo erano.

[1810,2]  2. Che le lingue nel nascere delle loro letterature non sono capaci più che tanto di eleganza, e i lettori di allora neppur ve la cercano, non considerandola appena come un pregio, ovvero sentendo ch'ella è in molte parti impossibile.

[1810,3]  3. Che anche e notabilmente per questa ragione, le lingue nuove stentano moltissimo ad essere apprezzate in punto di letteratura, da coloro stessi che le parlano e scrivono, e ad esser considerate come capaci del bello e squisito stile ec.

[1811,1]  1811 4. Che però i primitivi scrittori sono obbligati volendo dare a' loro scritti quell'eleganza che deriva dal pellegrino ec. di accostare spessissimo la loro lingua alla sua madre, siccome fecero i nostri, e siccome si fa ancora, non bastando l'antico fondo della nostra lingua (in buona parte anticato e brutto e rozzo) a quella peregrinità di voci, frasi, e forme che si ricerca all'eleganza. Ottimo partito è questo di avvicinarla ad una lingua, già formatissima, le cui ricchezze essendo la fonte delle nostre, tutto ciò che se ne attinge con giudizio, è come un'antica appartenenza della nostra lingua, che ha tanto di peregrino quanto può trovarsi nel mezzo fra l'elegante e il brutto che è cagionato parimente dallo straordinario, quando questo passa certi termini; e però il pellegrino che deriva dalle parole forestiere è ordinariamente brutto, o per lo manco non elegante. Nondimeno i primi scrittori furono talvolta forzati di attingere anche dalle lingue forestiere, come fecero i nostri, ma 1812 poco felicemente, dal provenzale, e come con eguale e maggiore infelicità hanno fatto {e fanno} altri scrittori primitivi in quasi tutte le lingue; i russi dal francese; gli svedesi prima dal latino (che oltre l'esser morto, è anche forestiere per loro), e poi, come oggi, dal francese ec. ec.

[1812,1]  5. Che la lingua italiana, sebbene mirabilmente ricca, dovette essa pure soggiacere primitivamente a questi bisogni, giacchè la ricchezza vera e contante di una lingua non è mai anteriore alla sua piena formazione, cioè completa applicazione alla letteratura. E la nostra lingua ancora fu per lungo tempo, cioè sino a tutto il 500. almeno, considerata prima da tutti, poi da molti come incapace dell'eleganza, della perfetta nobiltà ec. e quindi posposta lunghissimamente al latino nell'uso dello scrivere più importante, ancorchè già formata, e stupendamente arricchita ed ornata ec. {+V. i diversi miei pensieri in tal proposito [ pp.1579-80].}

[1812,2]  Tutto ciò dimostra che la lingua francese, la quale ha dalla sua prima formazione rinunziato alle sue ricchezze antiche, 1813 e a tutto ciò che fosse rimoto dall'uso volgare, e segue a rinunziarvi tutto giorno, onde oggi non possiede neppur quello che possedevano gli scrittori del primo tempo dell'Accademia, e del secolo di Luigi 14. deve necessariamente esser poco suscettibile di eleganza, e soprattutto priva di lingua poetica, non avendo quasi parola, frase, forma che non sia necessaria all'uso quotidiano del discorso, o della scrittura in prosa, {o che non abbia luogo frequentemente in detto uso;} e quindi non potendo assolutamente elevarsi al disopra del parlar comune. Quindi lo stile della poesia francese non si diversifica (eccetto alcune poche {, uniformi, rare,} e timide inversioni, {+e l'uso della misura (ben plebea e pedestre) e delle rime)} dal discorso giornaliero e dalla prosa; e talvolta è propriamente ridicolo a vedere imagini e sentenze e affetti sublimi, e rimoti o dall'opinione o dall'uso volgare, e superiori al comune modo ec. di pensare, espressi ne' versi francesi al modo che si esprimerebbe una dimostrazione geometrica, o si direbbe una facezia in conversazione; giacchè in ambedue queste occasioni, 1814 come in tutte le altre, la lingua francese è appresso a poco la stessa.

[1814,1]  Parrebbe da ciò che nella scrittura francese dovesse molto e sempre sentirsi il familiare. Non nego che non vi si senta, ma se non vi si sente, quanto parrebbe che dovesse, ciò deriva da questo, che detta lingua essendo povera, non è propria, non essendo propria, non può aver molto sapore di familiarità, al contrario delle lingue primitive, della nostra, e della francese stessa ne' suoi principii, dove il familiare sempre si sente, perchè è somma in quei tempi la proprietà della favella, come ho detto p. 1809. fine. Dal che segue che il discorso e la scrittura francese si confondano nel loro spirito in modo, che la stessa uniformità distrugge il senso della familiarità. Giacchè se leggendo un libro francese ti par di sentire uno che parli, sentendo uno che parli, ti par di leggere, e così tu non sai bene da qual parte stia la familiarità. Così necessariamente deve accadere in una lingua unica, come la francese, e così 1815 pure accade rispetto a' suoi stili. Oltrechè l'eccessivo spirito sociale de' francesi, raffinando sempre più il linguaggio quotidiano (anche quello del volgo proporzionatamente), l'avvicina sempre più allo scritto, e quindi sempre più gli toglie del familiare; e l'eccessiva inclinazione della letteratura francese {+ad esser volgare,} a imitare, trattare, nutrirsi, formarsi quasi esclusivamente di ciò che spetta alla conversazione de' suoi nazionali, l'avvicina sempre più al parlato, e proccurandole l'eleganza dell'epigramma, sempre più le toglie quella della poesia, dell'eloquenza ec. divisa dal volgo. Questa inclinazione reciproca dello scritto verso il parlato, e viceversa, è quello che ha reso la lingua francese qual ella è, geometrica, unica, assolutamente moderna, ed universale quasi per natura. (30. Sett. 1821.)