Para

3. Ott. 1821.

[1830,1]  Alla p. 1824. Non nego che questi effetti non possano anche derivare dal contrario dell'indifferenza, cioè da una soprabbondanza di vita, di passione, di attività nell'animo umano, quale si trova ne' meridionali, e massime negli orientali. In oriente in fatti sono assai comuni le poesie, le favole, le invenzioni, dove i protagonisti, o quelli per cui si pretende d'interessare, sono animali, piante, nuvole, monti, {+divinità o enti favolosi e ideali, uomini in gran parte diversi da quelli che sono ec. ec.} E dall'oriente vennero col Cristianesimo le prime tracce, anzi quasi l'intero sistema dell'amore universale. Presso noi però, e 1831 a' nostri tempi è certo che i detti effetti non nascono se non dall'indifferenza: e il contrario di questa faceva che la mitologia greca trasmutasse in uomini tutti gli oggetti della natura; e che gli antichi amassero sommamente la loro patria, e odiassero gli stranieri. { V. p. 1841.}

[1831,1]  È notabile come cagioni dirittamente contrarie producano gli stessi effetti, e come la soprabbondanza di vita negli orientali, ravvicini la loro poesia, i loro pensieri, la loro filosofia, e buona parte della loro indole a quella de' settentrionali. Ond'è che la poesia orientale disprezzata nel mezzogiorno d'Europa fa fortuna nel Nord, e le fantasie del gelato {e buio} settentrione, rassomigliano assai più a quelle del più fervido {e brillante} mezzogiorno, che de' climi temperati. (3. Ott. 1821.). { Vedi la p. 1859. fine. }