Para

10-12 Ott. 1821.

[1887,1]  Ho detto [ pp.343-45] [ pp.1243-44] [ p.1768] [ p.1807] che la lingua italiana non ha mai rinunziato alle sue ricchezze antiche. Ecco come ciò si deve intendere. Tutte le nazioni, tutte le lingue del mondo antiche e moderne, formate ed informi, letterate e illetterate, civili e barbare, hanno sempre di mano {in mano} rinunziato, e di mano in mano incessantemente rinunziano alle parole e frasi antiche, come, e perciò, {ed in proporzione} che rinunziano ai costumi antichi, opinioni ec. Quelle ricchezze alle quali io dico che la lingua italiana non ha mai rinunziato, sono le ricchezze sue {più o meno} disusate, che sono infinite e bellissime, e ponno esserle ancora d'infinito uso; ma non propriamente le voci e locuzioni antiche, cioè quelle che oggi o non si ponno facilmente e comunemente intendere, o comunque intese non ponno aver faccia di naturali, e spontanee, e non pescate nelle Biblioteche de' classici. A queste l'Italia come tutte le altre nazioni nè più nè meno, intende di avere rinunziato; e i soli pedanti 1888 lo negano, o non riconoscono per buona questa rinunzia, e le protestano contro, e non vi si conformano, nè l'ammettono.

[1888,1]  Come poi la lingua italiana abbia e possa avere, a differenza della francese, infinite ricchezze, che se ben disusate, ed antiche di fatto, non sono antiche di valore, di forma, di conio, lo verrò spiegando.

[1888,2]  Primieramente la lingua italiana non ha mai sofferto, come la francese, una riforma, venuta da un solo fonte ed autorità, cioè da un'Accademia, e riconosciuta dalla nazione, la quale la ristringesse alle sole parole comunemente usitate al tempo della riforma, o che poi fossero per venire in uso, togliendole affatto la libertà di adoperare quanto di buono d'intelligibile ed inaffettato si potesse trovare nel capitale della lingua non più solito ad usarsi, ma usato dagli antichi. Della quale specie moltissimo avrebbe allora avuto la lingua francese da poter salvare. Non si è mai tolta fra noi ogni autorità agli antichi, serbandola solamente ai moderni, o ristringendola 1889 e terminandola in un solo corpo, e nell'epoca di esso.

[1889,1]  Questa riforma era naturalissima nella Francia a differenza di tutte le altre nazioni. Lo spirito di società che costituisce tutto il carattere, tutta la vita de' francesi; come forma l'indole de' loro costumi, così necessariamente quello della loro lingua in ciascun tempo. Ora essendo effetto naturale di detto spirito, l'uniformare gli uomini, ed uniformando i costumi, uniformare inseparabilmente la lingua, è naturale ancora che questa uniformità s'intenda ristretta agli uomini che di mano in mano sono, e non a quelli che furono. Ond'è che il francese vuole e dee vivere e parlare come vivono e parlano i suoi nazionali moderni e presenti, non come i suoi nazionali antichi, nel qual caso, egli differirebbe dai presenti, peccato mortale per un francese, e qualità incompatibile collo spirito di società, in quanto egli è tale, in qualsivoglia nazione. Così che la riforma della lingua francese, dovendo introdurre l'uniformità, non 1890 poteva non iscartare tutto l'antico, {+(siccome difforme dal moderno)} tutto ciò che non fosse in presente e corrente uso, ancorchè buonissimo e bellissimo, tutta l'autorità di qualunque scrittore che non fosse moderno; giacchè non poteva uniformare quanto alla lingua se non i presenti coi presenti, e non i presenti cogli antichi, ch'era impossibile sì per se stesso, sì perchè una lingua non ritorna antica, se ogni sorta di costumi {e di opinioni ec.} non ritorna antico, e precisamente tal qual era.

[1890,1]  Da questo spirito di società de' francesi, seguita che la loro lingua (per dirlo qui di passaggio) benchè paia la meno soggetta a variare o corrompersi, stante le infinite circoscrizioni che la legano, e determinano, è per lo contrario la più soggetta che mai, non solo quanto alle parole e modi, ma pur quanto all'indole. Al detto spirito non può bastare di uniformare i moderni a' moderni; la sua perfezione necessariamente tende ad uniformare senza posa i presenti co' presenti. E siccome i costumi e le opinioni non istanno mai ferme, 1891 nè pertanto la lingua, così ogni novità che s'introduca sì in questa che in quelli, divenendo subito universale tra' francesi, e passando in regola, la lingua de' francesi e scritta e parlata deve cambiar sensibilmente e di capitale e d'indole, non dico ad ogni secolo, ma ad ogni dieci o 20 anni. Se poi v'aggiungerete la somma coartazione, unità, ed intera definizione della lingua francese, la quale per necessità ripugna ad ogni novità, massime appartenente allo spirito della lingua, vedrete che da questa ripugnanza di qualità, ne deve seguire una pronta e notabilissima e inevitabile corruzione universale, anzi tante corruzioni quanti sono i piccoli spazi di tempo, in cui la loro lingua piglia co' nuovi costumi, nuove forme. Massimamente che la rapidità con cui si alterano i costumi e l'opinioni in Francia è molto maggiore che tutt'altrove, perchè la marcia dello spirito umano, nazionalmente parlando, è più rapida in quella nazione dove la società è più stretta viva ed estesa. Ond'è che la lingua francese deve 1892 ben presto cambiar faccia in modo da non riconoscersi più per quella della riforma, e così successivamente la lingua di uno o due secoli dopo non riconoscersi per quella di uno o due secoli prima. Nè tarderà molto che i classici del secolo di Luigi 14. saranno meno intesi dall'universale de' francesi, di quello che Dante dagli odierni italiani. {+La lingua francese insomma, appunto perchè lo spirito e l'andamento della nazione è sempre quello stesso che suggerì la riforma, ha bisogno ad ogni tratto di un'altra tale riforma, che renda classica ed autorizzi una nuova lingua, dismettendo la passata rispettiva. E sempre ne avrà bisogno più spesso, perchè la marcia è sempre più rapida.} Il fatto lo dimostra confrontando e le parole e lo spirito dell'odierna lingua francese con quella del tempo di Luigi 14. sì poco distante.

[1892,1]  Tornando al proposito, la nostra lingua non ha mai sofferto simili riforme, siccome nessun'altra che la francese, stante la diversità delle circostanze nazionali. Che se volessimo pur considerare come riforma le operazioni dell'Accademia della Crusca, questa riforma sarebbe stata al rovescio della francese, perchè avrebbe ristretto la nostra lingua all'antico, ed all'autorità degli antichi, escludendo il moderno, e l'autorità de' moderni; cosa che siccome ripugna alla natura di lingua viva, così non merita alcun discorso. 1893 Bensì scemato coll'andar del tempo e colla mutazion degli studi e dello spirito in Italia, lo studio della lingua, e de' classici, infinite parole e modi sono andate, e vanno tutto giorno in disuso, le quali però tuttavia son fresche e vegete, ancorchè di fatto antichissime: e siccome si possono usare senza scrupolo, così di tratto in tratto, qua e là, questa o quella si vien pure adoperando da qualcuno in modo che tutti le intendono, e nessuno nega o può negare di riconoscerle e sentirle per italiane. E finattanto che la lingua nostra conserverà il suo spirito ed indole propria, (la quale in verità non conserva oggi se non presso pochissimi, ma ch'ella non può pertanto legittimamente perdere, cioè senza corrompersi, come qualunque altra lingua) il capitale di tali ricchezze le durerà sempre.

[1893,1]  Imperocchè la lingua italiana essendo stata applicata alla letteratura, cioè formata, innanzi a tutte le colte moderne; la sua formazione, e quindi la sua indole viene ad essere 1894 propriamente parlando di natura antica. Quindi ella, a differenza della francese, non può rinunziare alle sue ricchezze antiche, senza rinunziare alla sua indole, e a se stessa. Potrà ben rinunziare a questa o quella voce o modo, potrà anche coll'andar del tempo antiquarsi la maggior parte delle sue voci e modi primitivi, ma sempre la forma delle sue voci e modi {o nuovi o vecchi} dovrà corrispondere a questi, per corrispondere alla sua indole, altrimenti non potrà fare ch'ella non si componga di elementi e ragioni e spiriti discordanti, e non si corrompa: giacchè in questo finalmente consiste la corruzione di tutte le lingue, e di questo genere è la presente corruzione della lingua italiana.

[1894,1]  Il simile proporzionatamente dico della lingua spagnuola, il cui secolo d'oro e la cui letteratura è la seconda in Europa, in riga di tempo.

[1894,2]  La lingua inglese in gran parte può porsi a paro della francese. La letteratura e formazione 1895 della lingua tedesca è l'ultima di tempo in Europa (giacchè non credo che si possano ancora considerare come formate, e fornite di letteratura propria, la Russa, la Svedese ec.). Contuttociò ella non ha punto rinunziato alle sue ricchezze antiche, diversissima essendo la circostanza della Germania da quella della Francia. Dubito però che l'antico possa star così bene nella lingua tedesca, formata e ridotta a letteratura ierlaltro, come nell'italiana formata 6. secoli fa. Ed ella potrà benissimo perdere, e perderà le sue ricchezze antiche, (che già non ponno esser molte, nè di grand'uso, essendo anteriori alla formazione della lingua) senza corrompersi, nè sformarsi, nè perdere la sua indole; al contrario dell'italiana.

[1895,1]  Da queste osservazioni seguirebbe che la corruzione della lingua italiana, e proporzionatamente della spagnuola, fosse oggi tanto più facile e quasi inevitabile, quanto la sua perfezione è più antica, e d'indole diversa da quella de' tempi moderni. Ora io 1896 convengo che sia facilissimo perch'è facilissimo il non attenderci, il non istudiar la lingua, e il non possederla, come si fa; e che sia più difficile oggidì lo scriver bene la nostra lingua che qualunque altra. Dico però ch'ella nella natura della sua stessa perfezione antica, contiene i principii essenziali di conservazione; che la sua vera indole porta con se gli elementi della sua durata; ed in modo che laddove le altre lingue si corromperanno prestissimo, la nostra (quando vi si ponga l'osservazione che bisogna) potrà sempre conservarsi qual era, o piuttosto ritornar tale.

[1896,1]  Il moderno diviene antico, e tuttociò che oggi è antico, fu moderno. Così che l'esser moderna la formazione del francese o del tedesco, non proverà altro se non che la loro corruzione sia più lontana, non già ch'elle non sieno soggette a corruzione. {+Di più, il moderno diviene antico tanto più presto, quanto più il mondo si avanza, perchè la sua marcia si accelera in proporzione del suo avanzamento.}

[1896,2]  Quello che bisogna osservare si è gli elementi e la natura di ciò che forma 1897 la perfezione e l'indole di una lingua. Ora la lingua francese formata ne' tempi che per noi sono moderni, contiene in se stessa i principii di corruzione ed alterazione che ho notati di sopra; perocch'ella, secondo la natura di tali tempi, è sottoposta nella sua forma alla servitù della ragione. Laddove la lingua italiana formata in tempi che per noi sono antichi, e secondo l'indole di detti tempi, dotata essenzialmente della libertà della natura, capace d'indeterminata moltiplicità di forme, di stili, e quasi di lingue, non può mai corrompersi, purchè s'abbia l'occhio a conservarle appunto queste qualità, senza le quali non può stare la sua vera indole primitiva; onde sebbene d'indole antica, ella, anzi perciò appunto ch'è d'indole antica, è e sarà sempre capace di tutto ciò che è o sarà per esser moderno; temperando sempre i suoi diversissimi stili secondo la natura degli argomenti. 1898 Ond'ella è e potrà sempre essere adattata così all'antico come al moderno, cioè al bello come al vero, e alla natura come alla ragione, perocchè questa è compresa nella natura, ma non già viceversa. E potrà anche unire insieme le due qualità del bello e del vero, in un medesimo stile. Come appunto la lingua greca, vera figlia della natura e del bello, fu tanto atta alla filosofia, quanto forse nessuna delle moderne, le quali a lei tuttora ricorrono ne' loro bisogni filosofici ec.; la lingua greca si conservò per tanti secoli e tante vicissitudini di cose incorrotta; la lingua greca si può con certezza presumere che se oggi vivesse, oggi conservando il suo stesso primitivo carattere, sarebbe capacissima e forse più d'ogni altra anche moderna, di tutte le cose moderne, siccome ne può far fede il vedere quante di queste non si sappiano denominare se non ricorrendo a essa lingua; la lingua greca si adatterebbe 1899 all'analisi, a ogni sottigliezza della nostra moderna ragione, senza però perder nulla della sua bellezza, della sua antica indole, e della sua adattabilità alla antica natura, perocchè la natura può considerarsi come antica.

[1899,1]  Ben è verissimo che quanto la lingua italiana è incorruttibile nella teoria, tanto nelle presenti circostanze è più d'ogni altra corruttibile nella pratica. I riformatori del moderno stile corrotto, in luogo di conservarle la libertà essenziale alla sua indole, gliela tolgono, ed oltre ch'essi stessi con ciò solo la corrompono, assicurano poi la sua corruzione riguardo agli altri, mentre la libertà è il principale e indispensabile preservativo di questo male. Gli altri non istudiano la lingua, non la conoscono, si prevalgono della sola sua libertà, senza considerare come vada applicata ed usata, non sanno le forze della lingua, ed in vece di queste, adoprano delle forze straniere ec. L'indole antica della 1900 lingua italiana pare a prima vista incompatibile con quella delle cose moderne. Senza cercare dunque nè scoprire come queste indoli si possano accordare (il che non può conoscere chi non conosce la lingua), si sacrifica quella a questa, o questa a quella, o si uniscono mostruosamente con danno di tutt'e due. Laddove la lingua italiana deve e può conservare la sua indole antica adattandosi alle cose moderne, esser bella trattando il vero; parere anche antica qual è, senza però mancare a nessuno de' moderni usi, e adattarvisi senza alcuno sforzo.

[1900,1]  Insomma la lingua italiana è facilmente corruttibile, perchè può far moltissimo; laddove p. e. la lingua francese, pochissimo. Ora il poco s'impara più facilmente del molto. (10-12 Ott. 1821.)