Para

12. Ott. 1821.

[1900,2]  Non solo l'eleganza, ma la nobiltà la grandezza, tutte le qualità del linguaggio poetico, anzi il linguaggio poetico esso stesso, consiste, se ben l'osservi, in un modo di parlare indefinito, o non ben definito, o sempre 1901 meno definito del parlar prosaico o volgare. Questo è l'effetto dell'esser diviso dal volgo, e questo è anche il mezzo e il modo di esserlo. Tutto ciò ch'è precisamente definito, potrà bene aver luogo {talvolta} nel linguaggio poetico, giacchè non bisogna considerar la sua natura che nell'insieme, ma certo propriamente parlando, e per se stesso, non è poetico. Lo stesso effetto e la stessa natura si osserva in una prosa che senza esser poetica, sia però sublime, elevata, magnifica, grandiloquente. La {vera} nobiltà dello stile prosaico, consiste essa pure {costantemente} in non so che d'indefinito. Tale suol essere la prosa degli antichi, greci e latini. E v'è non pertanto assai notabile diversità fra l'indefinito del linguaggio poetico, e quello del prosaico, oratorio ec.

[1901,1]  Quindi si veda come sia per sua natura incapace di poesia la lingua francese, la quale è incapacissima d'indefinito, e dove anche ne' più sublimi stili, non 1902 trovi mai altro che perpetua, ed intera definitezza.

[1902,1]  Anche il non aver la lingua francese un linguaggio diviso dal volgo, la rende incapace d'indefinito, e quindi di linguaggio poetico, e poichè la lingua è quasi tutt'uno colle cose, incapace anche di {vera} poesia.

[1902,2]  Nè solo di linguaggio poetico, ma anche di quel nobile e maestoso linguaggio prosaico, ch'è proprio degli antichi, e fra tutti i moderni degl'italiani (degli spagnuoli ancora, e de' francesi prima della riforma), e che ho specificato qui dietro. (12. Ott. 1821.)