Para

12. Ott. 1821.

[1904,2]  Quanta parte dell'effetto singolare che produce la bellezza umana sull'uomo, massime quella della fisonomia, dipenda e nasca dalla sua significazione, si può vedere ne' fanciulli, i quali quantunque bellissimi non producono grand'effetto nello spettatore, nè gli destano odio o avversione più che superficiale, quantunque bruttissimi. Ciò sebbene 1905 possa avere anche altre cagioni, deriva pur notabilmente da questa, che la fisonomia de' fanciulli ha sempre poca significazione per chi l'osserva, 1. perchè la significazione della fisonomia nasce in gran parte dalle assuefazioni, cioè dal carattere, dalle passioni ec. ec. che l'individuo acquista appoco appoco, e che mettono in azione, e danno rappresentanza alla fisonomia. Il carattere de' fanciulli essendo ancora formabile, la significazione della loro fisonomia, è anch'essa da formarsi, e la corrispondenza fra l'interno e l'esterno è minore, o meno determinata, in quanto l'uno e l'altro aspettano la forma che riceveranno dalle circostanze, e sono ancora quasi pasta molle e da lavoro. 2. Perchè quando anche le fisonomie de' fanciulli sieno quanto all'apparente conformazione, significantissime; lo spettatore non applica a questo segno, veruna 1906 notabile significazione, sapendo che il carattere del fanciullo non è ancora formato, non si può conoscere, non si può bastantemente congetturare dai detti segni, e dalla fisonomia, e ciò che ora ne apparisce è passeggero, oltre che alla fine è di poco conto, e nel genere delle bagattelle. Onde un occhio vivacissimo, e una fisonomia amabilissima in un fanciullo, non ci produce che una leggera sensazione di amore; ed una fisonomia fiera, e d'apparenza malvagia, non ci produce che un leggero senso di avversione. Sicchè la fisonomia del fanciullo lascia l'uomo quasi indifferente, com'è indifferente (almeno per allora) e di poco conto, ciò ch'ella può significare, e com'è leggera la corrispondenza fra il significante e il significato. Giacchè anche questa non solo è determinata dalle assuefazioni, ma anche in gran parte ne deriva, e perciò non può loro essere anteriore. V. p. 1911.

[1906,1]  Non così credo che si possa discorrere 1907 quanto all'effetto della fisonomia de' fanciulli negli stessi fanciulli, secondo ch'essi sono più o meno avvezzi e capaci di attendere, e quindi di combinare, e di conoscere i rapporti. (12. Ott. 1821.)