Para

20. Ott. 1821.

[1953,2]  Alla p. 1950 marg. Quest'adattabilità della lingua tedesca, questa flessibilità riconosciuta per nociva, non proviene insomma se non dal non essere quella lingua abbastanza 1954 per anche formata e regolata. La libertà, il più bello ed util pregio di una lingua deriva nella lingua tedesca, e proporzionatamente ancora nell'inglese, dall'imperfezione: laddove nell'italiana, unica fra le moderne, deriva o sta colla perfezione: unica lingua moderna ch'essendo perfetta, ed avendo un deciso e completissimo carattere proprio, e questo per ogni parte formato, sia liberissima. La libertà del tedesco è nociva o di poco buon frutto, come quella che si gode nell'anarchia, o quella che tutti i popoli godono prima che la società abbia presa fra loro una forma pienamente regolare e stabile. La libertà dell'italiano è come quella, assai più rara e difficile, che si gode e deriva dalle savie, complete, mature istituzioni. Essa è stabilita nella sua indole, la costituisce, e n'è vicendevolmente contenuta: laddove la libertà del tedesco non fa che escludere da quella lingua un'indole propria, o renderla incerta e indeterminata; e intanto sussiste 1955 in quanto non sussiste in quella lingua un carattere originale perfettamente formato, definito, e maturato. Originalità e libertà stanno insieme nell'italiano, e sarebbero incompatibili nel tedesco. E nell'italiano e ne' savi reggimenti, la perfetta legislazione e la libertà non solo si compatiscono, ma scambievolmente si favoriscono. Nel tedesco la libertà sarebbe incompatibile colla legge, e non sussiste che in virtù della non esistenza o imperfezion della legge.

[1955,1]  Così accade infatti. Le lingue perfettamente formate e di carattere decisamente proprio, non sogliono esser libere, e par che queste due qualità ripugnino. La lingua francese infatti, sola fra le moderne (esclusa l'italiana e la spagnola) che si possa dire perfettamente formata, ha perduto colla sua formazione la libertà ed è divenuta inflessibile, e inadattabile a tutto ciò che non l'è assolutamente proprio. La lingua inglese ha conservata la sua libertà 1956 col sacrifizio di una originalità decisa. Essa si modellò prima sulla francese, e divenne quasi francese. Oggi talora è francese, talora non si sa che, ma perfettamente inglese mai, e gli stessi scrittori inglesi riconoscono il danno della loro libertà di lingua, e com'essa non sussiste che per mancanza o insufficienza di legislazione, e quindi di deciso carattere {e gusto, e genio proprio, e sapor nazionale ec.} Così accade nel tedesco. La lingua italiana è l'unica fra l'europee, dopo la greca, che abbia conservata la sua libertà nella sua indole, dopo essersi perfettamente formata questa indole, e perfettamente propria; e deve questo vantaggio all'antichità della sua formazione.

[1956,1]  Che la lingua tedesca sia oggi liberissima non deve dunque far maraviglia. Tutte le lingue son tali ne' loro principii. La lingua latina che fu poi sottomessa ad una severissima legislazione, e divenne la meno libera fra le antiche, e per antica, 1957 fu liberissima da principio, come si può vedere nelle scritture o frammenti de' suoi primitivi autori. In que' tempi essa sarebbe stata così adattabile alle traduzioni com'è oggi la tedesca; laddove in seguito, cioè quand'ella fu perfetta, ne divenne incapacissima, cioè capace di trasportar le parole, ma non lo spirito e la vita delle scritture forestiere, tal qual ella era.

[1957,1]  Volendo dunque dirittamente discorrere, paragoneremo fra loro i diversi gradi di libertà che godono o godettero le lingue perfette; non ammireremo la libertà infinita delle imperfette, che son libere com'è libera la nazione degli Otaiti, o degli Ottentotti. (20. Ott. 1821.)