Para

24. Agosto 1820.

[223,2]  Μηδέν τε εἶναι ϕύσει δίκαιον ἢ καλὸν ἢ αἰσχρὸν, ἀλλὰ νόμῳ καὶ ἔϑει. Insegnamento della stessa setta. Ivi segm. 93. (24. Agosto 1820.).