Para

2. Gen. 1822.

[2322,2]  Gli antichi non solo celebravano i giorni natalizi, ma anche gli anniversarii delle morti. V. il quinto dell'Eneide, e segnatamente vers. 46-54. Celebravano pure gli anniversarii di vittorie riportate ec. come di quella d'Azio, per cui s'istituirono i giuochi Aziaci. V. Heyne P. Virg. Maron. Vita per annos digesta, anno U. C. 723. Così in Atene la festa di Pallade nell'anniversario (se non erro) della battaglia di Maratona o di Salamina. Celebravano annualmente in diversi tempi, diverse 2323 regolari festività in onore di questo o quel Dio, aggiunteci bene spesso delle ricordanze di cose patrie. ec. Le Cereali ec. in Atene. I Lupercali a Roma. ec. Le feste secolari in onore di Apollo e Diana (v. Carmina saecularia di Orazio.). Le feste in onore di Bacco ec. ec. (2. Gen. 1822.)