Para

24. Giugno di' del S. Gio. Battista. 1822.

[2492,2]  Il fatto sta così e non si può negare. La somma della moralità pratica era {ed è} tanto maggiore presso gli antichi, i pagani, i selvaggi, che presso i moderni, i Cristiani, gl'inciviliti, quanto la somma della morale teorica, e la perfetta cognizione, definizione, analisi e propagazione della medesima è maggiore presso questi che presso quelli. E nella stessa 2493 proporzione si deve discorrere anche oggidì de' Cristiani più rozzi, e meno (o più confusamente) istruiti de' doveri sociali ed umani, per rispetto alla gente più colta e addottrinata ne' medesimi doveri. (24. Giugno dì di S. Gio. Battista. 1822.)