Para

13-14. Giugno 1823.

[2779,2]  Che il proprio tema de' verbi ἱστάω, ἱστημι [ἵστημι,] ἵσταμαι fosse στάω, come forse ho detto nella mia teoria de' continuativi [ pp.2142-45] parlando di sisto, e che l'iota sia una giunta fatta al tema per proprietà di lingua, si conosce sì dalle molte voci di questi verbi che mancano di quell'i paragogico, e da tutti i loro derivati che parimente 2780 ne mancano, sì dal verbo ἵπταμαι il quale colla medesima paragoge (ch'esso perde in molte voci) è fatto dall'inusitato πτάω (v. la Gramm. di Pad. p. 210.) {+ o πετάω, onde πετάομαι, πέταμαι, πέτομαι che vagliono altresì volare, e che in origine non debbon esser altro che il verbo πετάω pando explico che ancora esiste, trasportato alla significazione del volare per lo spiegar delle ali ec. e vedi la pag. 2826. }

[2780,1]  Del resto niente impedirebbe che sto e στάω non avessero niente di comune nella loro origine, o ch'essi fossero nati da una stessa lingua madre, ma indipendentemente l'uno dall'altro, giacchè l'uno significa stare ed anche essere (v. Forcellini), e l'altro stabilire, il cui passivo o medio ἵσταμαι, passivando il significato di stabilire, viene a prendere la significazione neutra di stare (quasi essere stabilito).

[2780,2]  Ma supponendo che sto e στάω sieno in origine uno stesso verbo, niente pure impedisce che il greco sia derivato dal verbo latino, e che tuttavia il latino sisto, ben diverso da sto e per coniugazione e per significato e per tutto, sia nato dal greco ἱστάω, ἱστῶ.

[2781,1]  2781 Chi può saper le varie vicende dei commerci antichissimi fra le lingue latina e greca, dopo che l'una e l'altra nacquero dalla stessa madre; quando la storia delle due nazioni comincia per noi così tardi, e massime la storia veridica, e certa; e la storia non alterata dalle favole ambiziose di cui è tutta piena l'antica istoria greca? Chi può con certezza negare che in quel lunghissimo tratto di tempi oscurissimi non vi fossero delle epoche nelle quali la lingua greca si arricchisse delle spoglie della sorella, ed altre, o successivamente o anche allo stesso tempo, in cui la lingua latina si arricchisse, come certo fece, delle spoglie della greca, ed anche ricevesse sotto nuova forma alcune di quelle medesime voci ch'erano nate da lei e da lei passate nella lingua greca, o alcuni derivati di quelle? Come sarebbe nella nostra supposizione; cioè che sto, nato nella lingua latina dal participio di sum, passato in Grecia sotto forma di στάω, 2782 ridotto quivi per paragoge alla forma di ἱστάω, e per contrazione a quella d'ἱστῶ {e mutata significazione per affinità,} ritornasse nel latino colla forma di sisto, il qual verbo verrebbe così ad essere originalmente il medesimo che sto.

[2782,1]  Osservando la cosa ne' tempi moderni, non sappiamo noi che la lingua francese è venuta d'Italia? e che dal medesimo fonte nacque una lingua sorella della francese, cioè l'italiana? E non vediamo noi quante parole nate {o allevate} nel nostro paese, cioè nella lingua latina; di qua passate in Francia; quivi alterate o di forma o di senso o d'ambedue; sono ritornate in Italia come forestiere ed altrui, e ricevute in questa lingua sorella della francese, e ciò fino dal cento o dal dugento o dal trecento, e tuttogiorno nella metà dell'ultimo secolo e in questo? E chi dicesse per questa ragione che la lingua francese è madre e non sorella dell'italiana, o chi negasse che la lingua francese sia provenuta 2783 d'Italia, s'apporrebb'egli al vero?

[2783,1]  Credo eziandio che non poche voci venute dalla stessa lingua italiana (non dall'antica latina), e passate in Francia; di là ci sieno tornate, e ci tornino tuttavia bene spesso come forestiere: o che quelle nostre sieno dimenticate, o che queste sieno alterate in modo che non si riconoscano essere originalmente tutt'une colle nostre ancora esistenti, e già preesistenti alle sopraddette francesi. {+ (Quanto a molte voci e forme italiane passate anticamente fra' provenzali, ed ora credute provenzali di origine, o perchè si trovano nei loro scrittori, e non più presso noi; o perchè, alquanto mutate dalla prima figura e significazione, le ritolsero dai provenzali i nostri primi poeti o que' del 300, e i commerci di que' tempi, vedi Perticari Apologia capo 11. 12. p. 108-17. e capo 19. fine p. 176-7.) .} Così dico di molte voci spagnuole ricevute nella nostra lingua durante il 500 e il 600, ne' quali secoli la letteratura spagnuola nata dall'italiana, modellavasi pur tutta sull'italiana, e quindi certo la loro lingua doveva abbondare, e abbondava, di parole e maniere provenutele dall'italiano.

[2783,2]  Ma lasciando questo, potremo anche dire che il sistema de' continuativi fosse proprio della lingua onde nacquero la latina e la greca; che di lei fossero il verbo sum (il quale certo si trova 2784 tutto nella sascrita) e il verbo sto che ne deriva; che da lei li pigliassero le dette due lingue; e che poi dalla greca venisse nella latina, coll'andar del tempo e de' commerci, il verbo sisto. {+Così discorrete de' verbi apo ed apto, ἅπτω ed ἅπτομαι, de' quali nella mia teoria de' continuativi.}

[2784,1]  In questa supposizione la lingua latina resterebbe pur molto superiore alla greca, rispetto alla conservazione dell'antichità. 1. Ella avrebbe conservato il sistema de' continuativi, e la greca no. Di più ella n'avrebbe conservato il modo cioè la formazione da' participii passivi, il che alla lingua greca è impossibile. 2. Il suo verbo sum sarebbe più conforme a quello della lingua madre. E ciò si proverebbe, primo perch'esso, come ho detto [ p.1390], si trova molto più simile a quello della lingua sascrita antichissima, che non il greco εἶμι [εἰμί]: secondo, perchè esso si presterebbe ottimamente per la sua forma grammaticale, come altrove ho mostrato [ pp.1120-21] [ pp.2142-45] [ pp.2659-60], alla formazione del verbo sto, il quale nella nostra supposizione sarebbe venuto dalla lingua madre, e in essa, come in latino, sarebbe stato un continuativo formato da sum: e perchè esso sum si presterebbe 2785 a questa formazione secondo la regola ordinaria de' continuativi latini, la qual regola nella nostra supposizione sarebbe provenuta dalla lingua madre. Laddove nella lingua greca il verbo στάω per ragione grammaticale, e per origine considerata dentro i termini d'essa lingua, non ha che far niente con εἶμι [εἰμί,] ed è un tema intieramente distinto. { Il tema στάω non si trova nel greco, ma ἵστημι, ἱστάνω, ἑστήκω, e tali alterazioni. Ma in latino il tema sto si trova, non pur semplice, anche ne' composti adsto ec. ec. chiaro e puro. E il verbo sto si può dir quasi regolare, se non fosse il duplicamento nel perfetto steti, usitato però in molti altri verbi ancora, come in do monosillabo, di coniugazione affatto simile a sto ec.} 3. Perchè il medesimo sto e per forma e per significato si riconoscerebbe in latino per derivato espressamente da sum, come abbiamo supposto ch'ei fosse nella lingua madre: laddove in greco nè per forma nè per significato avrebbe che far nulla con εἶμι [εἰμί]. In somma tutta la ragione grammaticale e dei continuativi in generale, e in particolare del verbo sto considerato come continuativo e derivativo di sum, la qual ragione abbiamo supposto che fosse nella lingua madre, sussisterebbe piena e perfetta nella lingua latina; laddove nella greca sarebbe intieramente perduta. Così discorrete della ragione grammaticale, 2786 e della origine e derivazione di apto o ἅπτω, le quali si troverebbero intere nella lingua latina, e per nulla nel greco; oltre al tema apo conservato nel latino e perduto nel greco. (13-14. Giugno 1823.).