Para

27. Luglio. 1823.

[3053,1]  Pausare poi potrà venir da pausa, la qual voce viene da παύω. Ma potrebbe anche (insieme con posare, cioè quiescere, reposare, reposer ec.) essere un vero continuativo fatto da un pausus participio di pauo o pavo o simil verbo pari al sopraddetto verbo greco. V. Forcell. e quello che altrove ho detto [ pp.2627-28] di tali voci in un pensiero separato, e il Glossar. (27. Luglio. 1823.)