Para

1. Agos. 1823.

[3074,3]  È da notare che la lingua spagnuola, per suo quasi perpetuo costume e regola, conserva ne' participii de' verbi latini della 2da e 3a maniera l'antica e regolare e piena forma della quale ho discorso altrove [ pp.1155], non ostante che nel latino conosciuto ella sia alterata, contratta, o anomala. Ne' quali casi la lingua italiana suol seguire ciecamente la latina ancorchè contro la regola e proprietà delle sue coniugazioni, e inflessioni, come ho detto altrove in proposito di arsare [ pp.2688.sgg.] P. e. 1. tenido, venido, e cento simili sono participii intieri, cioè tenitus, venitus, 3075 in luogo de' contratti che usa la lingua latina conosciuta, cioè tentus, ventus ec. Noi in questo e in molti altri casi mutiamo bene spesso l'i in u (scambio che può essere anch'esso antichissimo) dicendo tenuto, venuto ec. I francesi cambiano sovente e comprendono nella lettera u tutte le lettere itus: tenu, venu da tenitus, venitus e così ordinariamente. 2. Corregido è participio intero e senza mutazione di lettera alcuna, cioè corregitus, dal qual regolare participio la lingua latina fece corregtus per contrazione, e indi mutato il g nell'affine palatina, correctus ch'è solo participio rimasto nel latino conosciuto, e nell'italiano. Similmente leido (se non che lo spagnuolo omette il g in tutto questo verbo) è il primitivo e regolare legitus (dimostrato da legitare) e da questo viene, non già da lectus, da cui il nostro letto. Anzi, perchè veggiate la differenza, da lectus sostantivo lo spagnuolo non fa leido, ma lecho (voce antica), 3076 equivalendo il ch spagnuolo assai spesso al ct latino. 3. Movido, nacido, conocido e cento simili sono participii e interi e irregolari, in luogo di contratti ed anomali. Movitus per motus. Nascitus (dimostrato, oltre l'analogia, da nasciturus, come altrove ho notato [ p.3063)] per natus ch'è solo oggi nel latino e nell'italiano e nel francese Cognoscitus, dimostrato, come altrove ho detto [ p.1113] [ p.1167] [ p.2777] [ p.2826], da noscito, per cognitus, ch'è unico nel latino, unico nel francese. Nell'italiano v'è cognitus e v'è anche cognoscitus, mutato al solito l'i in u, e dico mutato, perchè in conosciuto, l'i è accidentale della scrittura, non proprio della parola, e serve solamente a dinotar la pronunzia delle lettere sc, che poste avanti l'u senza l'intrapposizione della i, si profferirebbero in altro modo. {# Così l'h è accidentale in dich'io in giuochi ec. ec.} Del resto nacido ec. è proprio lo stesso che nascitus, omessa la s per proprietà moderna, perchè gli antichi la 3077 scrivevano, come pure in crecer (onde crecido--crescitus--cresciuto, per cretus--cru), condecender ec. ec. La lingua spagnuola suol essere regolarissima in questi tali participii, più assai dell'italiana, più della francese, e conservare più di ambedue l'antichità e primitiva proprietà latina, anzi conservarla si può dir, pienamente. E ciò non meno {nè in diverso modo} quando la latina conosciuta è irregolare o contratta, che quando ell'è regolare e semplice, come da habitus, havido o habido, che noi colla solita mutazione diciamo avuto. Ora questo havido nello spagnuolo ha la stessissima forma di tenido ec. Ma non così in latino, benchè teneo sia della stessa forma di habeo. {# 1. Puoi vedere la p. 3544 } { V. p. 3572. fine .}

[3077,1]  Non è tuttavia che alcune volte la lingua spagnuola non segua in tali participi ciecamente o l'anomalia o la contrazione della lingua latina, come suol far l'italiano e il francese e non ne divenga essa stessa anomala, come le altre due. Di visto, e quisto (che però si dice anche regolarmente querido) dico altrove [ pp.2201-202] [ p.3032]. Da facere, hacer, 3078 ella non fa pienamente hacido, facitus, ma contrattamente hecho da factus (fatto, fait), anticamente fecho, mutato il ct in ch per proprietà spagnuola, come in derecho, provecho ec. ec. e come ho pur detto altrove [ pp.871-72] [ pp.3018-19] e l'a cambiato in e, come in trecho da tractus, {+in leche da lacte ablativo (Perticari vuol che si dica dall'accusativo tolta la m; ma ecco che l'accusativo di lac è lac: vedi però il Forcell. appo il quale lac è mascolino in più esempi), e come i latini ne' composti, confectus ec.,} in echar da jactare. Dov'è notabile che anche noi e i francesi facciamo la stessa mutazione: gettare, jeter, come i latini ne' composti: obiectare ec. Da dicere non decido o dicido, ma dicho-dictus-detto-dit. (1. Agos. 1823.). { v. p. 3362. }