Para

20. Marzo. Lunedi' Santo. Bologna. 1826.

[4169,2]  Negletto, contemptus (v. Fedro, fab. Calvus et musca), spregiato, dispregiato o disprezzato ec. ec. per dispregevole. Implacato per implacabile. V. Forc. ec. Provvisto per che provvede o ha provveduto, del che altrove [ p.4126]. V. Monti Proposta, in provvisto, dove nel 2do esempio trovi anche avvisato in senso simile.

[4169,3]  Puretto diminutivo positivato, aggettivo per puro, come pretto. V. Crusca.

[4170,1]  4170 Inconcusso per inconcutibile. V. Forc. ec. Inaccessus, inaccesso ec. per inaccessibile. Rampare; radice di rampicare, di cui altrove [ p.4004]. V. Monti Proposta, v. rampare. Fastello, affastellare ec. diminutivi positivati da fascio per peso. Cespo-cespuglio. Vituperato per vituperoso, ec. o degno di vitupero, di esser vituperato, vituperevole ec. V. la Crus. non solo nel §. 2. ma in tutti gli altri esempi.

[4170,2]  Poco restò per poco mancò o manca ec. V. Monti Proposta, in Restare.

[4170,3]  Πῖλος-πιλίον, σάνδαλον-σανδάλιον, τρίβων-τριβώνιον, ὅρκoς-ὅρκιον.

[4170,4]  Corona-corolla, lat. diminut. come da asinus, asellus, ec.

[4170,5]  Abbreviato per breve.

[4170,6]  Febbricare o febricare per febricitare. V. Crus. in febbricare, febbricante, febricante ec. Sembra esser la radice di febricito. V. Forc. Erpicare per inerpicare o inarpicare. Crus.

[4170,7]  Per poco è o fu ec. che non. V. Dante Inf. c. 30.

[4170,8]  Rocco-Rocchetto. V. Monti Proposta, v. Rocco. Pelliccia da pellicula per pelle di animali ec. V. i franc. spagn. ec. Benda - bandeau. Floccus-flocon. Linon.

[4170,9]  Infamato per infame. Crus. Incolpato per incolpabile o per colpevole ec. V. Crus. e Monti Proposta v. Incolpato, e nella Bibliot. ital. Dial. di Matteo, Taddeo ec. Temuto, formidatus, paventato ec. per formidabile, massime in poesia.

[4170,10]  σωμάτιον p. σῶμα. Ateneo l.4. p. 178 E. ed. Commelin. 1598.

[4170,11]  Praetexo, praetextum-prétexter. Eximo, exemptum exempter.

[4170,12]  Alla p. 4145. lin.4. Quin et factitii canes ad fores collocati; quales illi quos ex auro et argento fabricarat Vulcanus Odyss. 7. 93. Δῶμα ϕυλασσέμεναι μεγαλήτορος ᾽Aλκινόοιο Domum ut custodirent magnanimi Alcinoi . Quod Romanis etiam in more fuisse docet Petronius Arbiter, c. 29. p. 104. ed. Burman. Non longe, inquit, ab ostiarii cella canis ingens catena vinctus in pariete erat pictus, superque quadrata litera scriptum: Cave, Cave Canem. Feithius, Antiquitat. Homericar. lib. 3. c. 11. §. 2. Uso conservato dai moderni. {+ V. p. 4364.} (20. Marzo. Lunedì Santo. Bologna. 1826.)