Para

20. Marzo 1821

[829,2]  Desiderar la vita, in qualunque caso, e in tutta l'estensione di questo desiderio, 830 non è insomma altro che desiderare l'infelicità; desiderar di vivere è quanto desiderare di essere infelice. (20. Marzo 1821.)