Sequence

p1802_1,p1802_2

[1802,1]  Anche gli organi esteriori, perduta l'assuefazione generale, divengono generalmente inabili, quando anche una volta fossero stati abilissimi. Io aveva da fanciullo una sufficiente abilità generale di mano, a causa dell'esercizio, lasciato il quale dopo alcuni anni, non so più far nulla con quest'organo, se non le cose ordinarie; ed ho quindi affatto perduta la sua abilità, {+tanto per quello ch'io già sapeva fare, quanto per qualunque nuova operazione che allora mi sarebbe riuscito facile di apprendere}. Ecco un'immagine della natura del talento. (28. Sett. 1821.)

[1802,2]  Non si sviluppa propriamente nell'uomo o nell'animale veruna facoltà. Bensì si sviluppano gli organi dell'uomo e dell'animale, e cogli organi, naturalmente, le loro 1803 naturali disposizioni o qualità, che li rendono (secondo ch'elle sono in maggiore o minor grado, che hanno questa o quella proprietà, che sono in maggiore o minor numero, che sono più o meno sviluppate, a seconda dell'età, e degli accidenti corporali dell'individuo) capaci di acquistare coll'assuefazione questa o quella facoltà, in maggiore o minor grado, numero ec. Ma l'assuefazione ha tanta forza di modificare gli organi (specialmente umani, più conformabili degli altri) che una sola qualità o disposizione di essi è suscettibile d'infinite e diversissime facoltà, {+e in diversissimi gradi;} il tale individuo avrà una facoltà, che un altro della specie stessa è così lontano dal possedere, che appena gli parrà compatibile coll'assoluta natura della sua specie ec. ec. ec. (28. Sett. 1821.)