Theme

export to Gephiexport to Word document

Brevità nelle occupazioni, piaceri, scritti ec., perchè piacevole.

Brevity in occupations, pleasures, writings, etc., why it is pleasurable.
1507,2   17. Agos. 1821.

[1507,2]  La brevità non piace per altro, se non perchè nulla piace. Anche i maggiori piaceri 1508 si bramano, e denno esser brevi, e lasciar desiderio, altrimenti lasciano sazietà. Ma non v'è mezzo fra questi due estremi? non possono lasciar paghi? No. Se l'uomo potesse appagarsi di un piacere nè la brevità nè la varietà (che deriva dalla brevità, e l'include ed importa, ed è quasi tutt'uno con lei) non sarebbero piacevoli per se stesse, nè amate dall'uomo. Ora siccome l'uomo non può restar pago, e la sua peggior condizione è la sazietà, perciò una principalissima qualità de' piaceri e delle sensazioni interiori o esteriori che servono alla felicità, si è che lascino desiderio, si è la brevità, e varietà loro, e la varietà della vita. (17. Agos. 1821.)